Regione Veneto

Ravvedimento Operoso

Ultima modifica 4 gennaio 2018

I contribuenti che omettono od eseguono parzialmente il pagamento dovuto possono regolarizzare spontaneamente la violazione commessa a condizione che la medesima non sia già stata contestata o comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche od altre attività amministrative di accertamento.

L'importo da versare deve comprendere anche l'ammontare della sanzione e degli interessi maturati così determinati:

Sanzione

a) 0,1% giornaliero dell'importo dovuto se il versamento è eseguito entro 14 giorni dalla scadenza;
b) 1,5% dell'importo dovuto se il versamento è eseguito tra il 15esimo ed il 30esimo giorno dalla scadenza;
c) 1,67% dell'importo dovuto se il versamento è eseguito entro 90 giorni dalla scadenza;
d) 3,75% dell'importo dovuto se il versamento è eseguito entro un anno dall'omissione o dall'errore (e comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno di imposta in cui la violazione o l'errore è stato commesso).

Interessi

Dal 01.01.2018 il tasso d'interesse legale è stato fissato allo 0,3%.
Dal 01.01.2017 al 31.12.2017 gli interessi sono calcolati al tasso legale dello 0,1%.
Dal 01.01.2016 al 31.12.2016 gli interessi sono calcolati al tasso legale dello 0,2%.
Dal 01.01.2015 al 31.12.2015 gli interessi sono calcolati al tasso legale dello 0,5%.
Nell'anno 2014 il predetto tasso legale era pari all'1% mentre, precedentemente era pari al 2,5%.
Gli interessi devono essere computati dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato fino a quello in cui risulta effettivamente eseguito.
_________________________________________________________________________________________

Ravvedimento "lungo"

In base all’art. 10 del "Regolamento per l’applicazione delle sanzioni amministrative in materia di tributi locali", le sanzioni sono ridotte al 7,5% dell’importo non versato se la regolarizzazione delle violazioni avviene a seguito di attività di controllo di cui il contribuente abbia avuto formale conoscenza ma prima della notificazione dell’atto di accertamento o di irrogazione della sanzione ovvero nel caso in cui non siano rispettati i termini per l'adozione del ravvedimento operoso ordinario.