Regione Veneto

Nuovo Sottopasso in Via Villastorta - Comunicato Stampa

Pubblicato il 13 agosto 2019 • Comune Via Villastorta, 30026 Portogruaro VE, Italia

RFI, COMUNE PORTOGRUARO: NUOVO SOTTOPASSO IN VIA VILLASTORTA

 

•    in sostituzione del passaggio a livello

•    rientra nell’accordo tra Regione del Veneto, Comune di Portogruaro e Rete Ferroviaria Italiana

•    in programma l’eliminazione di ulteriori tre passaggi a livello

•    investimento 14,5 milioni di euro

 

Portogruaro, 12 agosto 2019

 

Conclusi i lavori per la realizzazione del sottopasso sostitutivo del passaggio a livello di via Villastorta a Portogruaro, sulla linea ferroviaria Mestre - Trieste. Inaugurato oggi alla presenza del Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia.

 

Largo sei metri e alto tre, sottopassa sia la linea ferroviaria Mestre - Trieste sia la vicina Variante alla SS 14. Si collega alle strade esistenti con rampe lunghe complessivamente di circa 200 metri, con pendenza massima di poco inferiore all’8%. La protezione idraulica è garantita da dossi di adeguata altezza posti in corrispondenza dell’inizio delle rampe. Il vicino Rio San Giacomo è stata tombato per risolvere l’interferenza con il sottopasso.

 

L’opera rientra in un più ampio programma che prevede l’eliminazione di altri quattro passaggi a livello nel Comune di Portogruaro, due lungo la linea Mestre - Trieste, sulle vie Noiare e Ronchi e due sulla linea Treviso - Portogruaro, uno sempre sulla via Noiare e uno sulla via Santa Elisabetta, quest’ultimo già sostituito con un cavalcaferrovia.

 

Gli interventi sono parte degli accordi sottoscritti nel 2002, integrati nel 2006 e 2011, tra Regione del Veneto, Comune di Portogruaro e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) che e prevedono un investimento complessivo di 14,5 milioni di euro: otto a carico della Regione del Veneto, 2,3 a carico del Comune di Portogruaro e i restanti 4,2 a RFI.

 

Il completamento del programma, l’eliminazione degli altri tre passaggi a livello nel Comune di Portogruaro e realizzazione di tutte le opere sostitutive, è previsto entro il primo semestre del 2021.