Regione Veneto

Immobili in Comodato (Imu)

Ultima modifica 3 gennaio 2017

La legge di stabilità per l’anno 2016 (Legge n. 208 del 28 dicembre 2015) ha introdotto alcune importanti novità relative ai tributi locali.

Tra queste, è prevista una riduzione del 50% della base imponibile per le unità immobiliari concesse in comodato, purché siano soddisfatte tutte le seguenti condizioni:

- il comodato deve essere compiuto a favore di parenti in linea retta di primo grado (genitori-figli/figli-genitori);
- l’immobile concesso in comodato non deve essere di lusso, quindi non deve appartenere alle categorie catastali A/1, A/8, A/9;
- il contratto di comodato deve essere registrato;
- il comodante può possedere in Italia solo l’immobile concesso in comodato e deve risiedere anagraficamente e dimorare nel Comune in cui si trova l’immobile stesso;
- oltre all’immobile concesso in comodato il comodante può al massimo possedere nello stesso Comune un altro immobile, purchè adibito a propria abitazione principale e purché non appartenente alle categorie di lusso A1, A8 e A9;
- il comodante deve attestare il possesso dei predetti requisiti nella dichiarazione di variazione entro i termini di legge.

Istanza per comodato - Dichiarazione sostitutiva di atto notorio

Risoluzione 1/DF del 17.02.2016

Allegato 335.00 KB formato pdf
Scarica