Regione Veneto

Articolo comparso su "Punto nascite a Portogruaro"

Pubblicato il 16 maggio 2017 • Sociale

In merito all’articolo comparso su La Nuova di Venezia e Mestre del 16 maggio u.s. a firma Giovanni Cagnassi, si concorda con il Sindaco di S. Donà di Piave Andrea Cereser; l’apertura del Punto Nascite di Portogruaro non penalizzerà la struttura ospedaliera sandonatese, in quanto i portogruaresi, storicamente, non scelgono di spostarsi a S. Donà ma si dirigono verso le strutture ospedaliere della Bassa Friulana. A recarsi nell’ospedale di S. Donà sono solitamente poche decine di persone provenienti dal portogruarese.

Per quanto riguarda l’ennesima “boutade” sull’ospedale unico, l’argomento è già stato ampiamente discusso, sia in sede politica che tecnico-amministrativa e le decisioni sono già state prese in primis dal Presidente Zaia e definite anche dalle recenti schede regionali dove è stata ribadita la validità del modello degli ospedali di rete.

In merito all’articolo comparso su La Nuova di Venezia e Mestre del 16 maggio u.s. a firma Giovanni Cagnassi, si concorda con il Sindaco di S. Donà di Piave Andrea Cereser; l’apertura del Punto Nascite di Portogruaro non penalizzerà la struttura ospedaliera sandonatese, in quanto i portogruaresi, storicamente, non scelgono di spostarsi a S. Donà ma si dirigono verso le strutture ospedaliere della Bassa Friulana. A recarsi nell’ospedale di S. Donà sono solitamente poche decine di persone provenienti dal portogruarese.

Per quanto riguarda l’ennesima “boutade” sull’ospedale unico, l’argomento è già stato ampiamente discusso, sia in sede politica che tecnico-amministrativa e le decisioni sono già state prese in primis dal Presidente Zaia e definite anche dalle recenti schede regionali dove è stata ribadita la validità del modello degli ospedali di rete.

In merito all’articolo comparso su La Nuova di Venezia e Mestre del 16 maggio u.s. a firma Giovanni Cagnassi, si concorda con il Sindaco di S. Donà di Piave Andrea Cereser; l’apertura del Punto Nascite di Portogruaro non penalizzerà la struttura ospedaliera sandonatese, in quanto i portogruaresi, storicamente, non scelgono di spostarsi a S. Donà ma si dirigono verso le strutture ospedaliere della Bassa Friulana. A recarsi nell’ospedale di S. Donà sono solitamente poche decine di persone provenienti dal portogruarese.

Per quanto riguarda l’ennesima “boutade” sull’ospedale unico, l’argomento è già stato ampiamente discusso, sia in sede politica che tecnico-amministrativa e le decisioni sono già state prese in primis dal Presidente Zaia e definite anche dalle recenti schede regionali dove è stata ribadita la validità del modello degli ospedali di rete.