Regione Veneto

Nuova Concessione Mensa Scolastica

Pubblicato il 13 dicembre 2017 • Scuola

A seguito di gara, utilizzando l’istituto della concessione di servizi, è stato affidato alla Ditta Gemeaz Elior S.p.A. l’appalto per il servizio mensa per gli alunni iscritti alle scuole statali dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado del Comune di Portogruaro per il periodo 1 gennaio 2018/30 giugno 2020.

In base all’offerta presentata è stato possibile per l’Amministrazione Comunale ridurre la tariffa all’utenza; detta tariffa, in precedenza stabilita in € 4,10 per la scuola dell’infanzia e € 4,30 per la scuola dell’obbligo, a decorrere dal 08.01.2018 sarà invece unica e pari a € 3,54.

Il nuovo appalto introdurrà una serie di novità:

    • La modalità elettronica nel pagamento delle tariffe, con l’eliminazione del buono pasto cartaceo finora utilizzato;
    • L’installazione in tutte le sale mensa di carrelli scaldavivande per il mantenimento ottimale delle temperature de cibi somministrati;
    • L’utilizzo delle stoviglie lavabili in tutti i plessi scolastici, in sostituzione delle stoviglie a perdere;
    • L’installazione di lavastoviglie nei plessi di maggiore frequenza;
    • L’installazione di sistemi di assorbimento e contenimento del rumore nelle sale mensa;
    • L’aumento degli alimenti di produzione biologica e l’introduzione di alimenti a filiera corta;
    • La realizzazione di percorsi formativi per adulti e per alunni in tema di corretta e sana alimentazione;
    • L’aumento del numero di persone addette alla somministrazione dei pasti, volto migliorare la qualità del servizio anche sotto l’aspetto organizzativo le logistico.

 

Nei prossimi giorni i genitori riceveranno informazioni sulle modalità di utilizzo del nuovo metodo elettronico con delle circolari distribuite presso le scuole.

“È una scelta – spiega Ketty Fogliani, Assessore alla Scuola - che non solo comporta un importante beneficio economico per le famiglie ma comporterà anche un significativo contenimento degli sprechi e considerando che la veicolazione dei pasti verrà effettuata con veicoli a bassa emissione, anche elettrici, con un minor impatto ambientale.

Inoltre il servizio di vendita dei pasti verrà gestito esclusivamente mediante sistema elettronico sulla base di punti di ricarica individuati nel territorio comunale”.