Un giro in Città

 
17-12-2012
 
Via Martiri vista dal Campanile di Portogruaro

 

 

L’incanto della città sta nel fatto che ancora conserva intatta la pianta della città antica che si sviluppa principalmente in due vie parallele sulle sponde opposte del fiume Lemene con case e palazzi che, come una piccola Venezia, hanno il doppio accesso, sulla via e sul fiume.  La città era chiusa da una cinta muraria e vi si accedeva attraverso cinque porte delle quali tre (San Gottardo, Sant’Agnese e San Giovanni) ancora esistenti.

 

Piazza della Repubblica

Si può entrare in città da Porta S. Giovanni lasciando l’automobile nel vicino parcheggio.  L’animato Corso Martiri, con un’ampia curva,  apre lentamente alla vista lo slargo luminoso del cuore della città.

Preceduta da un’alta colonna col leone di San Marco ecco infatti piazza della Repubblica (viste: diurna, al tramonto, serale e dal campanile), Campanile di Portogruaro dominata dal singolarissimo Municipio gotico, unico nelle sue forme. E’ il simbolo della città, assieme al  Pozzetto con le Gru, sulla sinistra della piazza,  scolpito da Giovanni Antonio Pilacorte (1494) e ai mulini.

Il Duomo di Sant’Andrea merita un’attenta visita per le opere d’arte che contiene. Si scende poi per una strettissima calle all’antica Pescheria con l’Oratorio dedicato alla Madonna.I "Molini" visti da un Ponte sul Fiume LemeneDal vicino  ponte   si offrono alla vista il campanile pendente, l’abside del Duomo, il Battistero e gli antichi  mulini sul Lemene, sede della Galleria Comunale d’Arte Contemporanea "Ai Molini".  Proseguendo per corso Martiri si può ammirare una spettacolare sfilata di palazzi quattrocenteschi in stile gotico veneziano.  All’altezza  della porta di San Gottardo, che chiude via Martiri, si passa sulla riva destra del Lemene (viste: dal ponte di via Abbazia, busto di Ippolito Nievo, putti del giardinetto dedicato allo scrittore) e, dopo una breve passeggiata si incontra la Palazzo di via Martirisolenne cinquecentesca Villa Comunale, sede, tra l’altro, della Biblioteca e del Museo Paleontologico "M. Gortani", con un’ampioVilla Comunale, Parco Marzotto parco cui si può accedere anche dal retrostante parcheggio. Pochi passi ed ecco il Museo Nazionale Concordiese (presentazione, visita completa), che esige una visita attenta e approfondita.

 

Dopo il lungo porticato neoclassico del Collegio Marconi,  preceduto dalla Cortile del Collegio Marconi romanica chiesa di San Luigi, ecco aprirsi l’ampia e severa via Cavour con doppia fila di portici e bei palazzi gotico-rinascimentali. Si esce dalla porta di Sant’Agnese, sede del Museo della città (presentazione, visita completa) per giungere alla omonima chiesa trecentesca, oltre l’incrocio; lì vicino, il piccolo e prezioso Oratorio della Visitazione con un bel ciclo di affreschi sacri cinquecenteschi.
Ritornando alla macchina non si può tralasciare una visita alla chiesa di San Giovanni che conserva una bella pala d’altare di Leandro Bassano.

Sottomenù della sezione

Sottomenù della sezione

 
 
 
 

Città di Portogruaro

Piazza della Repubblica, 1 - 30026 Portogruaro (VE)
Tel. 0421 277211 - Fax. 0421 71217 - Numero verde 800 - 016079

Ufficio Relazioni con il Pubblico
portogruaro@adria.it
P.E.C. comune.portogruaro.ve@pecveneto.it
- c.f. 00271750275

Note legali - Privacy
RETE TELEMATICA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA